Anticipazioni


SOPHYA BACCINI (PRESENCE, SOPHYA BACCINI'S ARADIA)
E' un grande onore per chi scrive poter presentare la terza artista donna che entra a far parte di THE OLD BLOOD. L'amica e storica cantante, compositrice, corista, autrice napoletana Sophya Baccini dei PRESENCE (nati nel 1990) e SOPHYA BACCINI'S ARADIA. Sono molto felice che lei abbia deciso di partecipare con entusiasmo a questo importante progetto, tant'è vero che, fin da subito, ha dimostrato un totale interesse nella mia iniziativa. Stiamo parlando di una delle più belle, originali, potenti ed eleganti voci femminili del panorama prog rock/metal internazionale. Sophya è un talento eclettico di cui andare fieri. E' stato bello confrontarsi con lei durante una nostra piacevole chiacchierata telefonica, oltre al frequente confronto attraverso lo scambio di messaggi. La vorrei ringraziare per la sua gentilezza e umiltà. Immensa stima! Il video verrà pubblicato domani 21 gennaio. Di seguito la sua biografia.

Scatti fotografici:

- Sophya Baccini negli anni '90. Foto in bianco e nero.
- Sophya Baccini in uno scatto recente. Foto dal vivo.

Biografia:

Sophya Baccini è una cantante solista ed autrice di testi in italiano, inglese, francese e napoletano. Compositrice e corista, figlia di un tenore, ha studiato pianoforte sin da piccola, ed ha frequentato corsi di lirica con il Maestro Mino Campanino. In seguito ha arricchito la sua tecnica vocale con elementi di rock classico e blues. Nel 1990 fonda i Presence, gruppo dark progressive molto amato in America, Giappone e Germania. Pubblica otto dischi di cui è l’autrice dei testi, per l’etichetta genovese Black Widow. Per l’album Black Opera, La rivista Flash Europa la elegge quarta miglior voce femminile rock al mondo.

Nel 2003 partecipa, come solista, ad un album triplo dedicato al poema finlandese “Kalevala”, realizzato dall’etichetta francese Musèa.

Nel 2009, insieme con David Jackson dei Van Der Graaf Generator e David Cross dei King Crimson, collabora al disco degli Osanna “Prog Family”. Successivamente, con i Delirium, è presente nell’album “Il Nome del Vento”, sia come vocalist che come pianista nel brano “Cuore sacro”. Nel marzo dello stesso anno esce per la Black Widow il suo primo disco solista, “Aradìa”, che le vale il prestigioso premio internazionale della giuria “Prog Awards”, per la prima volta assegnato all’unaminità e per la prima volta conferito ad un’artista femminile.

Nel marzo 2012 la radio nazionale svedese le dedica un intero programma incentrato sulla scrittura musicale al femminile condotto dal giornalista Patrick Stigsson.

Il 19 0ttobre 2013 presenta il suo secondo disco solista, “Big Red Dragon”, dedicato ai lavori pittorici di William Blake. Arricchito da una formidabile galleria di ospiti, tra cui Sonja Kristina dei Curved Air, stampato anche in vinile con un’edizione limitata esaurita in poche settimane, diventa disco dell’anno per la maggior parte delle migliori riviste del settore, sia cartacee che online. In questo lavoro ha composto, arrangiato, cantato e suonato le tastiere in tutti i brani, e ne ha personalmente curato la registrazione ed il missaggio. Molto intensa la sua attività dal vivo, si esibisce con il suo gruppo “Sophya Baccini’s Aradia”, tutto al femminile, con i Presence, come ospite in vari progetti e come solista con il suo pianoforte. Attualmente sono in uscita tre album che la vedono protagonista.

Contatti: facebook.com/sophya.baccini



STEFANO CERATI
Lo storico giornalista e scrittore milanese Stefano Cerati, da più di vent'anni nel campo dell’editoria metal, ha preso parte al progetto THE OLD BLOOD. È un onore e una grande emozione poter presentare questa bella notizia. Stefano è attualmente coeditore di Rock Hard Italy. In passato ha collaborato con le migliori riviste del settore, oltre ad aver scritto un certo numero di libri di notevole caratura, e potrei citare "A Sud del paradiso - Canzoni, testi e musica degli Slayer", "Heavy metal. 50 anni di musica dura", "I 100 migliori dischi Doom", tutti pubblicati dalla nostrana Tsunami Edizioni. Tra poco sarà disponibile il suo nuovo volume "Black Mass: La storia dell'Occult Rock" che entrerà a far parte della collana "Le tempeste" di Tsunami. Sono davvero felice che abbia accettato il mio invito a partecipare a The OLD BLOOD. Ho sempre nutrito per lui stima e rispetto. GRAZIE di tutto, Stefano! Il video verrà pubblicato venerdì 11 febbraio. Qui di seguito la sua biografia.

Foto del passato: Stefano Cerati con Jeff Hanneman e Tom Araya degli SLAYER in uno scatto del 1994.

Biografia:

Nasco a Milano dove vivo con moglie e due figli. Mi laureo in Economia e Commercio e prendo un Master in Comunicazione, ma la mia vita è il rock e lo sarà per sempre. Nel rock ho fatto di tutto, deejay, speaker a Rock FM, ufficio stampa per Transilvania Live, One Step Beyond e Clear Channel, ho avuto il mio mail order, distribuzione ed etichetta Red Sun. Dal 1994 inizio a collaborare con riviste rock e metal, tra cui Flash, Metal Shock, Psycho, Rocker, Metal Force, DistortioN e Rumore. Dal 2002 sono a Rock Hard di cui divento coeditore dal 2009. Finora ho scritto 14 libri sulla musica dura, le guide Grunge e Hardcore per Rumore, la serie dei “100 migliori dischi” su NWOBHM, Thrash, Death, Black, Doom, Crossover/Nu Metal (in arrivo il volume Stoner/Heavy Psych), Hard Rock 1968 – 1989 (in arrivo la seconda parte Hard Rock 1990 – 2020) più i testi commentati di Black Sabbath, Iron Maiden e Slayer e i saggi Heavy Metal: 50 anni di musica dura e Black Mass: La storia dell'Occult Rock. Nel 2016 ho creato FIRE, rivista per musica heavy psych in inglese. Ho recensito più di 10.000 dischi, fatto più di 2000 interviste e visto più di 2000 concerti. Amo il Milan, l'Olimpia Milano basket, la letteratura noir, il cinema, i gatti, i viaggi e la birra stout inglese.

Contatti: stefanocerati@rockharditaly.com

Post più popolari